[TRACCIA] Lavoro sporco – Sessione 4

Sessione 4 del 23/02/2018

Rientrati a casa, in quel di Serrungarina e salutato tutti, la vita… ehm, la non-vita riprende il suo corso. i nostri tre eroi hanno i loro impegni a cui dedicarsi, tra lezioni di magia e la costruzione di nuovi aggeggi…
Comunque il resto della nottata scorre in tranquillità, non fosse che Heaven dimostra un certo interesse per Arcadia, cosa che disturba un po’ tutti quanti.
Come sappiamo (ma io lo ricordo perché magari non lo sappiamo proprio tuttissimissimi! NdSheky) Arcadia è una creatura fatata, metà pollo, metà bimba, con piume al posto dei capelli e rostri al posto dei piedi. oltre ad avere la boccuccia a becchetto e due alette sulla schiena.
Oltre a ciò, Arcadia ha particolari capacità, come quella di diventare di pietra all’occorrenza.
Diciamo che Heaven è attratto da questa strana creatura, che il Prof protegge tenendogliela il più possibile lontano.
Disfatti i bagagli, sistemato l’ospite e via dicendo, la notte volge al termine.
Al tramonto successivo, il Prof chiede a Sir Tristan, il mago ospite del Bed&Bloodfast, di indagare un po’ su Heaven, ma l’ospite, svegliatosi molto più tardi rispetto ai padroni di casa, se ne va senza troppe storie, ansioso, probabilmente, di tornare al suo vero rifugio.
Sasha, sospettosa, va a controllare la stanza, ma non trova niente di strano nella camera, a parte un po’ di terra. Il prof la studia al microscopio, scoprendo che è terra stantia, ormai è polvere, più che terra ed associando le idee con quello che sanno dei vari clan che hanno incontrato lungo la strada, intuiscono che il caro Cookie Monster, con cui hanno avuto a che fare, è del clan degli Tzimisce.

La cosa spaventa un po’ tutti, ma evidentemente non abbastanza, perché una volta partito il vampiro, tutti tornano ai loro impegni quotidiani.
Addirittura c’è chi si concede una passeggiata nel bosco (vedi Alfred) con un vecchio mago e chi una “cena” (vedi Sasha) con l’informatore del gruppo, Ugo, contattato dal Prof per vere informazioni sulla notte dell’abbraccio del dottor Sansuini.
Alfred non trova la sua bacchetta magica, ma Sasha passa una bella serata in compagnia di Ugo, che si rivela un galantuomo, mentre il Prof inizia ad avere qualche idea sul perchè la notte del suo Abbraccio, fosse finito nel baule della macchina trovata nel cortile dell’Elysium di Angelica (RIP Angie… NdSheky).
Un’ipotesi, la più gettonata, al momento, è che una volta accortosi che era stato trasformato, Arkos l’avesse messo nel baule della macchina, sperando che si svegliasse abbastanza affamato da combinare qualche casino, creando un possibile diversivo, visto che quella sera, all’Elysium di Angelica, era in vendita la famosa copia del volume in pelle di mannaro del Libro di Nod che tante persone ha fatto scomodare.
Ovviamente non ricordando la targa dell’auto, che potrebbe comunque esser stata rubata, il Prof chiede ad Ugo se può cercare nelle registrazioni delle telecamere della zona per scoprire se si vede qualcosa di decisivo…

La sessione termina con Wilfred che se ne va a fare un giro al parco Miralfiore per chiedere alle Fate se possono insegnargli qualcosa, senza risolvere nulla e con Sasha che rientra a casa poco prima dell’alba, dopo la bella serata con Ugo.

Tutto sembra così tranquillo…

Precedente Facciamo le coroncine? Successivo Apocalisse? Tzè!

Benvenuto Figlio delle Tenebre, vuoi lasciarci un commento?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.