[TRACCIA] Lavoro sporco – Sessione 1

Sessione 1 del 27/01/2018

In realtà, come già preannunciato nel resoconto precedente della Cronaca (conclusa) La Resurrezione del Padre, l’incipit lo avevo già dato. Comunque per correttezza ricomincerò da qui, con alcuni fatti avvenuti nella precedente sessione.

Dopo gli ultimi, sanguinosi, avvenimenti, la Coterie di Serrungarina, passa qualche tempo in tranquillità. Hanno molti impegni, ora che sono ricchi e stanno diventando sempre più importanti nella società vampirica, ma hanno anche favori da ricevere e restituire.
Proprio in nome di un favore da contraccambiare, Fabio, il locale Alpha del Branco di Mannari, chiama Sasha per esporle un problema sorto negli ultimi giorni.
Un giovane Mannaro di un altro Branco, è arrivato, trafelato e al limite delle forze, dalla lontana Biella, per chiedere aiuto.
Raggiunte le Marche ha smesso di fuggire, sperando di essersi allontanato a sufficienza per non dover sottostare al potere dominante del suo Alpha e poter quindi chiedere aiuto per se e per i suoi compagni.
Il Mannaro si chiama Gabriel Dutoit e porta numerose cicatrici addosso, che non guariranno mai del tutto a causa delle reiterate ferite e violenze a cui il suo Alpha lo sottopone.
Difatti il Branco ha da poco avuto uno scossone a livello di potere e il vecchio Ulfric (o Mannaro Alpha) è stato spodestato da un nuovo arrivato, Cudjo Okoje, che con la sua compagna, Leena, è arrivato dall’Africa ed ha deciso di fermarsi in quella zona per mettere in piedi un nuovo Branco.
Purtroppo i modi del nuovo Alpha sono sgradevoli e talvolta sadici, ma a causare i peggiori problemi è la compagna, che ha deciso di sfruttare i mannari locali per esibizioni ben più che erotiche e talvolta sottoponendoli a vere e proprio torture sadiche per poterle filmare e rivendere i video nel mercato nero del porno.
Ovviamente chiunque si ribelli a questo status quo viene preso, segregato e torturato finché non cede di nuovo al potere degli Alpha e non si sottomette nuovamente a questa vita tra prostituzione e prigionia.

Fabio, allora, decide che è il caso di intervenire, ma come Mannaro se si presentasse nella zona sarebbe ospite riconosciuto e sgradito, perciò ha bisogno che vada qualcuno ad indagare su cosa stia accadendo.
Siccome Cudjo e Leena, per poter sopravvivere hanno aperto un locale di Burlesque (anche se è solo una copertura), Fabio chiede ai nostri tre vampiri se possono andare ad investigare, per capire cosa stia succedendo e per portargli, nell’eventualità, le prove di quello che sta accadendo, così che possa andare a colpo sicuro a spodestare i due torturatori.
I nostri accettano e dopo una rapida riorganizzazione, partono alla volta di Biella, chiedendo ospitalità alla Reggente del luogo, Ines Augusta, che li ospiterà nel suo Elysium in centro città.
Dopo un lungo, ma tranquillo, viaggio, i nostri arrivano al Rifugio di Ines e, presentatisi, ricevono la loro sontuosa stanza.
Ines afferma di essere a conoscenza del Branco di mannari, ma come ogni buon vampiro che si rispetti, non s’interessa molto dei loro problemi o delle loro faccende, a meno che non interferiscano con i suoi impegni e lavori. I nostri quindi si trovano da soli, a svolgere questo gravoso compito…
Il giorno però è in arrivo, quindi decidono di non affrettarsi troppo, ma di lasciar correre la giornata per poter poi lavorare con più calma.

La notte successiva fanno qualche compera in serata per essere “presentabili” in un locale come quello dove si stanno dirigendo, poi impostano il navigatore e vanno all’Exstasia Night Club, dividendosi qualche km prima dell’arrivo per avere più opportunità di raccogliere informazioni.
Sasha e Alfred entrano dall’ingresso VIP grazie alle doti persuasive del Malkavo, mentre il Prof decide di provare a entrare in modalità stealth (anche perché all’ingresso VIP non lo fanno entrare e la coda del pubblico è abbastanza lunghina).
Mentre Sasha e Alfred lasciano le giacche al guardaroba e vanno al bancone a farsi un drink (opportunamente corretto da qualche strana sostanza dal barman), il Prof trova una scala antincendio sul retro e una volta sul tetto trova un lucernario apribile dall’esterno.
La finestra da sul soppalco del locale, in completo stile industrial, dove ci sono quattro salottini, uno dei quali occupato da due ragazzi e quattro spogliarelliste. Usando le sue doti telepatiche, cerca di farli allontanare e sebbene non sia molto raffinato, come metodo, alla fine funziona e i sei scendono, lasciando libero il soppalco, da dove il Prof può guardare un po’ la sala dall’alto.
Intanto Alfred è intento a sorreggere Sasha che, bevuto un sorso del drink, si ritrova stordita e traballante sui suoi mega tacconi che ha deciso di indossare per la serata.
Mentre Alfred porta Sasha sul soppalco, il Prof scende e fingono un incontro casuale, grazie al quale il Prof può aiutare Sasha a stendersi su un divanetto.
Alfred decide di tornare dal barman per chiedere di parlare col padrone del locale che, dopo aver presentato il primo spettacolo della serata, sale sul soppalco per incontrare i nostri tre.
O meglio, i nostri due, visto che il Prof, in spirito di ricerca, assaggia a sua volta il drink e fa fallimento critico, finendo in catalessi peggio di Sasha.
Il proprietario si scusa con Alfred e Sasha per l’inconveniente e dice che prenderà provvedimenti, poi Alfred, con la scusa di fare un regalo/sorpresa a Sasha, chiede di parlare in privato con Cudjo, che lo porta nell’ufficio, sul retro del locale, dove Alfred conosce anche la compagna del Mannaro, che viene spedita a presentare gli spettacoli mentre lui si occupa di redigere un contratto su richiesta di Alfred.
Ovviamente Alfred spinge per ottenere servizi extra, riuscendo, in effetti a convincere Cudjo a proporgli qualcosa di un po’ fuori dai canoni.
Stabiliscono quante persone desidera nel Privé, quali servizi gli interessa ricevere e la parola di sicurezza, in modo che i Mannari che gli manderà possano sottrarsi se dovesse essere troppo doloroso o psicologicamente insopportabile.
Quando Alfred torna da Sasha questa si è ripresa, mentre il Prof si sta risvegliando, un po’ stordito.
Attendono l’ora poi un giovane Mannaro, Ademaro, li raggiunge per accompagnarli nella stanza privata, dove trovano ad aspettarli le altre due mannare richieste da Alfred, Claudie e Blaise.
Quando Sasha inizia a frustare una delle due mannare, vedendo che inizia a piangere s’intenerisce e non riesce a continuare. Quindi Alfred la manda fuori con Blaise e Ademaro (che si è trasformato in lupo ed è tornato umano, nel frattempo, sempre su richiesta di Sasha) e rimane da solo con Claudie.
Alfred si fa pochi problemi, inizia a registrare con la videocamera ogni tipo di punizione inferta alla Mannara, che non si ribella, nemmeno quando Alfred arriva a staccarle un unghia di una mano, Claudie, sebbene pallida e spaventata, anzi, terrorizzata, non accenna a dire la parola di sicurezza.
A questo punto è evidente che qualcosa non quadra.

Nel frattempo il Prof, a cui Alfred ha pagato una ballerina, se ne va in disparte con lei, ma la donna, che è una dei pochi umani a lavorare li dentro, non rivela niente, se non che lei si paga gli studi così e che non sa nulla dei maltrattamenti di cui le accenna il Prof. Allora lui la manda a chiamare un ballerino Mannaro e lei torna poco dopo con un ragazzo, ma lui sembra moooolto restio e alla fine fa un lieve cenno, mostrando al Prof la presenza di telecamere.
Con un messaggio telepatico lo invita a parlare in privato, in bagno, ma il mannaro accenna di no e fa un commento sul parcheggio, sperando che il Prof capisca. E per fortuna capisce.
Così, dopo la sua lap-dance pagata da Alfred, il Prof esce dal locale, col buttafuori che lo guarda stortissimo. Mentre si aggira nel parcheggio, incontra il ballerino di poco prima.
Lui racconta le stesse cose di Gabriel, aggiungendo che Gabriel veniva colpito in modo particolare perché abbastanza forte, volendo, da poter diventare un Alpha a sua volta.
Inoltre fornisce un indirizzo ad Alfred, quello di una ex industria mineraria dove Cudjo e Leena hanno messo in piedi un set improvvisato dove poter girare i loro sporchi filmini.

Sasha, invece, torna al guardaroba a prendere la giacca (visto che ha strappato la tutina di pelle) e poi torna nel dietro le quinte, salendo al piano di sopra, dove incontra di nuovo Ademaro e Blaise.
Si scusa per quello che è accaduto e scopre che anche se viene stabilita una parola di sicurezza, l’Alpha vieta loro di usarla, così da far divertire il cliente il più possibile, a scapito della sicurezza dei suoi mannari.
Dopo ancora qualche chiacchiera, torna al Lince, dove si ritrova con il Prof.

Ci vuole un’ora e mezza prima che Alfred esca a sua volta dal locale, più leggero di 4500€, ma alla fine hanno un po’ di prove da consegnare a Fabio. Chissà se basteranno…

Precedente [DIECI] Lavoro sporco - Sessione 1 Successivo Manutenzione in corso

Benvenuto Figlio delle Tenebre, vuoi lasciarci un commento?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.