[TRACCIA] Demoni in affitto Cap.1-5

demoni in affitto

25/11/16 Capitolo 1 Sessione 5
Dopo essersi scervellati, finalmente scoprono che la citazione di Saigon viene dal Faust di Goethe.
Per questo, decidono di andare a fare una visita al teatro di Fano che, proprio in questo periodo, sta mettendo in atto una versione del “Faust”, l’opera appunto da cui è tratta la citazione di cui sopra.
Mentre studiano la situazione, per capire come entrare non visti nel teatro, incontrano un Ravnos, uno dei vampiri che fanno parte del dominio di Sir Wilfred. Tale Giuseppe, li aiuta ad aprire il portone sul retro dopo che loro hanno quasi svegliato mezzo quartiere e fatto chiamare i carabinieri da una signora.
Entrano nel retro del Teatro, non c’è modo li, di passare nel foyer senza far saltare l’impianto d’allarme, tuttavia, mentre il Prof tenta di disattivare il sistema di sicurezza, Sir Wilfred usa l’impianto per le comunicazioni interne per cercare di richiamare l’attenzione del demone.
E il demone arriva. Abhorim si nasconde nell’ombra di una tenda ad osservarli, piuttosto perplesso, finché il Prof non apre la porta. Tuttavia parte una chiamata silenziosa ai carabinieri che, sfortuna vuole, erano già in viaggio verso il teatro per rispondere alla chiamata della signora di cui prima.
Mentre le sirene si fanno vicine, Abhorim si offre di accompagnarli in un posto che li metta “al sicuro” dai carabinieri in arrivo.
Dopo un po’ di titubanza, decidono di seguirlo e lui li conduce nel retro del palco, verso un vecchio armadio che nasconde una scala che scende piuttosto in basso, in una sorta di bisca clandestina dove diversi demoni si stanno intrattenendo allegramente.
Mentre sono li, Sir Wilfred decide di provare a giocare a Poker, si gioca tre foglie (quelle lasciategli dai fatati) e le perde tutte e tre.
Mentre il Sir gioca, il Prof prova a tirar fuori ad Abhorim qualche informazione sulla setta che potrebbe creare problemi in città, ma lui in cambio vorrebbe un certo libro… Ovviamente i nostri sono piuttosto contrari a volerglielo consegnare, ma al Prof sfugge che il libro si trova nelle mani di Alcina, mettendola dunque in pericolo, però in cambio ottiene il nome della Setta.
Si fanno chiamare “Maschere d’oro” e adorano Belial.
Poco altro viene detto loro, che tornano al piano di sopra e scoprono che oltre essersi salvati dai carabinieri, è loro impossibile ritrovare la scala che porta alla bisca.
Purtroppo non possono avvisare Alcina del pasticcio che hanno involontariamente combinato, quindi non resta loro che tornare a casa, dove Ugo ha lasciato di nuovo un messaggio a Franco.
Ha trovato una setta, il capo si chiama Francesco Guido ed il vice si chiama Simone Martinelli.
Entrambi i ragazzi sono più grandi del resto del gruppo e sono, così pare, umani.
Sasha pensa bene di chiamare il suo Sire per avvisarlo e chiedere supporto.
Ovviamente a Juri fa ben piacere poter mettere a tacere degli infernalisti, quindi manderà per la notte successiva, un gruppo dei suoi.
A questo punto non resta che andare a riposare e attendere.
La notte seguente, oltre a scoprire che Arcadia non dorme tutto il giorno come loro, ma si sveglia se fa particolarmente nuvolo, ricevono un messaggio da parte di Alcina. Sembra una voce portata dal vento e dice loro di non andarla a cercare. Mentre aspettano che arrivino i rinforzi, chiedono a Saigon se può andare a vedere e il demone torna poco dopo, annunciando che gli è impossibile trovare la grotta, probabilmente la strega si è sigillata all’interno.

Precedente Oh... ma anche no! Successivo Legami di sangue

Benvenuto Figlio delle Tenebre, vuoi lasciarci un commento?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.