[Traccia] Danza 2

L’avventura ha preso definitivamente il via con le prime ricerche effettuate dal gruppo che, a dirla tutta, non si può definire né un Branco né una Coterie vera a e propria. Diciamo che i miei pargoli sono solo un gruppetto ben (o mal, questo è ancora da vedersi) assortito ed incaricato di scoprire qualcosa di questa fantomatica serie di Vampiricidi. Il che non è assolutamente facile.
Tanto per cominciare tutte le prove legate ai “cadaveri” o finiscono bruciate o vanno irrimediabilmente in decomposizione, dunque serve rapidità. Eppure bisogna procedere con calma.
Dopo aver discusso a lungo con Gaia, la “mamma vampira” del Branco di Vili, i nostri scoprono un sacco di cose interessanti. Viene loro nominata la “Setta” un gruppo di Vili ribelli che sta cercando di raccogliere consensi dai Vili della città per soverchiare il potere di Sabbat e Camarilla. Sembrano degli sfigati qualunque e sono indubbiamente i primi sospettati nella lista, così il gruppo decide di aspettare la notte successiva ed andare a cercare questa “Setta”, per scoprire qualcosa di più su di loro.
Nel frattempo l’unica nota di cui tener conto (a parte Zik che gioca a Risiko e perde infamemente contro un vampiro extracomunitario e Nikky che perde a Twister per colpa dello scivolone di un altro) Greg, il pupillo del Vescovo (e meno male che esistono PG così!) interviene chirurgicamente sul viso di un povero vampirello sfigatino, George, risolvendo il suo complesso di bruttezza e sguinzagliandolo a raccogliere informazioni.
La notte successiva, dunque, s’avviano per le strade di Roma, tutti in fila con le loro macchine che sembrano quasi un corteo funebre, fino a raggiungere l’altra parte della città.
E’ la terza notte dopo l’ultimo omicidio.
Parcheggiate le auto incontrano un gruppetto di bulletti che racconta loro che in centro qualcuno ha fatto esplodere un’auto e ha disegnato stelle a cinque punte sulle portiere per far ricadere la colpa su di loro. Questi cinque però sembrano avere le idee confuse… ma nessuno se ne accorge…
Così i nostri seguono il gruppetto fino al Parco dell’EUR e poi dietro di esso, verso il Tevere.
Qui, in uno spiazzo, è stato acceso un falò e alcuni vampiri si stanno “divertendo” a saltare le fiamme imitando la “Danza delle Fiamme” del Sabbat. Nikky e Hasad restano in disparte, ma Zik, Ian e Greg decidono di avvicinarsi alla bolgia che si è venuta a formare.
Umani e vampiri sono raccolti in attesa del Capo, il Matto, come spiega ai nostri Marco, un vampiro presente che afferma di aver avuto come Mentore Ash, uno del Clan dei Panders.
Il Matto arriva a bordo di una macchina, sgomma e sbanda, facendosi chiaramente notare e quando frena scende dall’auto e salta sul tettuccio, cominciando il suo discorso filosofico sul perchè ci sia il bisogno di creare la “Setta”, del perché ribellarsi a Sabbat e Camarilla. Una domanda sbagliata del nostro Zik e tutti i presenti si assiepano attorno ai tre, formando un cerchio.
Dopo una discussione piuttosto accesa e il tentativo (ottimo, tra l’altro!) di Zik di fare un patto con il Matto, quest’ultimo rifiuta e torna alla sua auto.
Nel mentre Nikky e Hasad scorgono un gruppetto di vampiri fermi a distanza, vestiti di nero, i cappucci sul capo, anonimi. Mentre Nikky cerca di avvicinarsi e di togliere il cappuccio di uno, Hasad li precede. La mano di Nikky viene bloccata e Hasad non fa in tempo ad accendere la torcia per illuminare il viso dei vampiri che una fortissima esplosione viene da dietro di loro.
Ian ha tirato una granata sull’auto del Matto.
Il panico li coglie e quasi tutti fuggono, disperdendosi.
Il Matto dovrebbe essere finito in cenere, il gruppetto di incappucciati sparito.
Siamo di nuovo punto e a capo. Che fare ora?

Precedente [Dieci] Danza 3 Successivo [Pagelline] Selene

Benvenuto Figlio delle Tenebre, vuoi lasciarci un commento?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.