[Traccia] Black Rose Capitolo 2 – Sessione 4

blackrosecronaca2

In quest’ultima sessione il Branco deve prendere una decisione su cosa fare: sigillare di nuovo il demone o iniziare una battaglia.
Alla fine la decisione cade sulla battaglia. A far pendere l’ago della bilancia da quel lato è la condizione di Madeline.
Sebbene sia ancora un po’ giovane, comincia ad avere l’aspetto che aveva come vampira, quindi a ricordare e capire.
Conscia del proprio potere, guidata da un frammento di anima pura e dalla Fede, lei certo non si tira indietro davanti all’idea di cancellare il demone dalla faccia della terra.
Mentre si preparano per la battaglia, chiama Francine, la ghoul di Leonore, avvisando che Kea, la bambina lupo, fa quello che vuole e dopo essere scappata, è tornata piangendo, s’è chiusa in bagno e non vuole vedere pù nessuno.
Iang decide di andare a vedere come sta la bambina e dopo averle raccontato qualche storiella, la convince a parlare.
Kea dice che il demone s’è scocciato e l’ha cacciata malamente dalla sala. Lei, delusa e innocente, racconta tutto quello che sa sul demone.
L’omone corpulento è rinchiuso in una sala, al buio, con una tavola imbandita di robaccia che lui continua a mangiare.
Da indicazioni precise su com’è fatta la stanza e su cosa si troveranno davanti e in compenso Iang le benedice la bambola per proteggerla.
Quello che segue non è altro che una furiosa battaglia, tra qualche gaffe e molti tiri fortunati.
Per un pelo non ci fanno lasciare le penne a Madeline per la seconda volta, ma alla fine il demone esplode e, perquisendo la stanza, Iang trova un meccanismo che fa crollare una parete, rivelando una nicchia nella quale è posta una grossa statua d’oro dall’aura magica e con una strana incisione sul piedistallo.
Dopo aver mandato le informazioni ad un Kyasid loro amico, il Branco torna a casa per riprendersi dalla battaglia…

Precedente [Dieci] Black Rose 11 Successivo [Dieci] Black Rose 12

Benvenuto Figlio delle Tenebre, vuoi lasciarci un commento?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.