[Cronache] Le notti dai lunghi artigli – Epilogo

Epilogo

Ed è così che ce ne torniamo in quel di Mantova, illudendoci che, forse, tutto si sia concluso nel migliore dei modi.
ma noi ignoriamo le trame di un Destino, variabile e volubile, che spesso ha giocato contro di noi, ed altrettanto spesso ha giocato con noi.
Il tornare, per qualche tempo, alla nostra non vita tranquilla ed anonima, forse riporterà me e Selene un po’ sulla “Retta Via”.
Lo stare isolati sulle montagne con la sola compagnia di sabbatici ci ha fatto perdere un po’ la bussola.
Fandango avrà il tempo di riprendersi dalle sue ferite; e anche gli altri avranno il tempo di riprendersi. Dalle insulse quanto stonate canzoncine di Mario e Garth, naturalmente.
Mai visto una coppia più affiatata!!
Potrebbero anche provare a partecipare allo “Zecchino d’Oro”.
U hm… chissà se sono buoni Topo Gigio e il mago Zurlì…
Ehi… sto scherzando.
Comunque alla fine della suonata siamo stati ringraziati e riveriti (Selene ed io da entrambe le parti) e siamo stati catapultati dall’altra parte del mondo… ma questa è un’altra storia…

Precedente [Cronache] Le notti dai lunghi artigli - Session 10 Successivo [STORIE] La bambola del Serpente - Capitolo 1

Benvenuto Figlio delle Tenebre, vuoi lasciarci un commento?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.