Camarilla nights extra – Lettera della madre

A.D. 1826

Mio amato figliolo,
quando sarai in grado di comprendere il significato di queste parole, io non potrò più essere accanto a te.
So che piangerai amare lacrime nel comprendere ciò che sto per dirti ma ti prego di essere forte, di non cedere dinnanzi alla terribile perversione degli uomini.
Non lasciarti ingannare dalle suadenti parole di chi si fa scudo con la fede; di chi cerca di pagare col sangue le ferite dell’orgoglio.
So di aver commesso molti sbagli nella mia vita, ma di una cosa sono certa, mai ho errato nell’amare i miei figli e mai ho errato nel donarvi tutto ciò che ho potuto finché ho potuto.
Già, figli, tu e tua sorella forse non vi conoscerete mai ma sappi che nel mondo c’è una persona che porta i tuoi stessi occhi, forse molto più vicina di quanto credi.
Dicono che è nata nel peccato e in gran segreto l’hanno portata via.
Ma io ti giuro, figlio mio, che lei è nata esattamente come te, per amore, e vi ho amati, e sempre, sempre vi amerò.
Se portarla via da me le ha salvato la vita, allora piangerò per la sua lontananza e gioirò per la sua vita ma tutto questo è accaduto solo per salvare la faccia di tuo padre.
Non accarezzerò mai il tuo viso di giovane uomo con le mie dita grinzose, tra una settimana sarà emessa la sentenza e so di non avere scelta ormai.
Lascerò questa lettera alla governante, la ricordi vero?
Non mi ha mai tradita e credo che anche questa volta ci aiuterà.
Spero solo che tu la comprenda prima che riescano a trovare anche te.
Tuo padre è una persona molto intelligente, non confido troppo nella riuscita del suo intento ma se in un solo istante crederai nel mio amore per te, avrò raggiunto comunque il mio fine.
Ho poco tempo e le mie forze si stanno esaurendo.
Ho sbagliato di nuovo ma non sono pazza, speravo solo di poterti salvare, di salvare te e tua sorella, poter fuggire con voi celandomi agli occhi di chiunque.
Ma così non è andata ed ora sto per essere giudicata, inquisita e giustiziata dallo stesso uomo che ti ha generato e che ora ti ha portato via da me.
Per l’ultima volta.
Sii forte.
Cerca, cerca…
Trova la verità, non lasciarti sopraffare.
Con infinito amore

La tua mamma

Precedente Camarilla nights extra - La lettera di Lucrezia Successivo LA FILOSOFIA DI AZZIE